Palermo. Gli artigiani attendono risposte concrete. Incontro con le istituzioni

A seguito della manifestazione di protesta del settore benessere del 16 gennaio scorso, le associazioni artigiane (CNA – CONFARTIGIANTO – CASARTIGIANI – e API CLAII) tornano a riunirsi lunedì 20 febbraio alle 10,00 presso la Sala Terrasi della Camera di Commercio. Obiettivo: incontrare gli organi di controllo (Guardia di Finanza-Carabinieri-Polizia e Polizia Municipale) e i referenti politici del governo regionale per capire cosa è cambiato dallo scorso gennaio e su che presupposti si sta lavorando nella lotta all’abusivismo, pressione fiscale e formazione.

A differenza della prima sessione di confronto, che vedeva come attori principali gli artigiani della categoria benessere, l’incontro del prossimo lunedì sarà aperto a tutti i settori e vedrà per la prima volta un nuovo alleato: a fianco degli artigiani ci sarà il presidente dell’ Unione Sportiva Città di Palermo Maurizio Zamparini.

“Il presidente Zamparini – dice Nunzio Reina, presidente di Confartigianato Imprese Palermo e portavoce della protesta – venuto a conoscenza delle problematiche che affliggono il comparto artigiano, ha subito solidarizzato con noi e ha deciso di stare al nostro fianco in questa lotta, che è anche un po’ la sua, visto che il suo Movimento per la gente nasce con l’intento di difendere i diritti dei cittadini, tartassati dalle tasse e dalla burocrazia. Sono molto felice e orgoglioso di averlo vicino in questa giornata che sarà decisiva per il destino di tante imprese artigiane.

Vorremo risposte chiare e fattive: qualora queste resteranno solo aria fritta, procederò come presidente di Confartigianato alla consegna della mia licenza di barbiere, e a ruota seguiranno tutti i nostri associati. Non sarà un’azione dimostrativa. Se gli abusivi continuano a lavorare indisturbati, mentre noi veniamo perseguitati, non avremo altra soluzione. Ci auguriamo che venga prospettato dalle istituzioni un iter procedeurale valido, che possa segnare l’inizio di un cambio di rotta che auspichiamo da troppo tempo e che non si è mai neanche lontanamente concretizzato.”

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com