Accordo Ue-Marocco: La Via-Iacolino “sconfitta per agricoltura europea”

“Il voto di oggi e’ una sconfitta per l’agricoltura italiana le cui responsabilita’ sono ben precise”. Cosi’ Giovanni La Via, europarlamentare del Pdl/Ppe, commenta a caldo il voto in Aula del Parlamento europeo che ha approvato, con una maggioranza di voti 369 contro 225, l’accordo tra l’Ue e il Marocco per la liberalizzazione reciproca dei prodotti agricoli e ittici. “Durante la votazione – continua La Via – sono state diverse le defezioni tra le fila della deputazione italiana. Non si puo’ difendere l’agricoltura di un Paese e di una regione a parole e poi non essere presenti al momento dei fatti. E’ giusto che i cittadini e gli operatori del settore, prima di accusare in toto gli europarlamentari per non aver difeso i loro interessi, sappiano chi siano i deputati che fino alla fine hanno lavorato per scongiurare tale accordo”. Tra questi anche Salvatore Iacolino (Pdl), che ribadisce l’i’mportanza “nei futuri accordi commerciali con i Paesi terzi di considerare un orizzonte temporale ragionevolmente ampio per la reciproca graduale liberalizzazione, nel rispetto del diritto internazionale e a vantaggio delle popolazioni locali. Tali accordi commerciali – conclude Iacolino – debbono soddisfare il requisito della reciprocita’ garantendo la sicurezza alimentare”.
“L’accordo siglato oggi penalizza fortemente l’agricoltura italiana – sottolineano i due eurodeputati -. Infatti, il testo prevede l’apertura delle frontiere del Paese ad un’economia, quella marocchina, che non e’ chiamata a rispettare le stesse regole in materia di scambi commerciali e di tutela della salute del consumatore, che, invece, devono rispettare gli operatori dei settori agricolo e ittico in Europa. Si tratta, quindi, di una sfida concorrenziale che si gioca con un netto vantaggio per l’avversario”. “Ho lavorato fino all’ultimo momento – spiega La Via – per far capire la portata dell’impatto negativo che quest’accordo avra’ sul comparto agrumicolo siciliano. Proprio nell’attuale fase di dibattito sulla futura PAC bisogna informare i cittadini dei rischi conseguenti al voto di oggi”. “L’agricoltura e’ un settore strategico per tutta l’Italia e lo e’ ancora di piu’ per molte regioni del Sud. Votando questo accordo e’ evidente che si e’ preferito privilegiare gli interessi dei settori extragricoli”, affermano ancora i due eurodeputati siciliani del Pdl, che “consapevoli delle difficolta’ che sta attraversando il settore agricolo, nonostante il risultato di oggi”, ribadiscono “il proprio impegno per la difesa dell’agricoltura e dell’economia italiana, lavorando affinche’ i controlli sui prodotti importati dal Marocco siano rigidi e per restituire il piu’ possibile garanzie agli imprenditori agricoli e ai consumatori europei”. (ITALPRESS)

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com