Pensionati, Barone (Uil Sicilia): “Basta a sprechi e clientelismo. Le risorse siano destinate per creare servizi utili come l’assistenza domiciliare”

“I pensionati siciliani, che superano il milione e che hanno i redditi più bassi della media italiana, sono stanchi di assistere a sprechi e clientelismo mentre la politica resta sorda alle loro richieste. Per questo chiediamo che le risorse vengano utilizzate per dare loro servizi veri ed efficienti”. Lo dice il segretario generale della Uil Sicilia, Claudio Barone, che aggiunge: “L’assistenza domiciliare agli anziani in Sicilia, ad esempio, viene garantita solo a poche centinaia di unità a fronte di un milione di cittadini che sono in età superiore ai 60 anni. Questo comporta un ingolfamento delle strutture sanitarie che hanno più del 50 per cento di ricoveri impropri: cioè giornate inutili trascorse in ospedale a un costo esorbitante da una parte e liste d’attesa inaccettabili dall’altra. Chiediamo quindi – continua il leader della Uil – di smetterla con il clientelismo per dare ai giovani la possibilità di nuovi posti di lavoro utili, come l’assistenza agli anziani di cui c’è un estremo bisogno. Bisogna promuovere, poi, iniziative che valorizzino il contributo che queste persone possono ancora dare alla società. E’ necessario, infine, non disperdere le risorse tra i vari assessorati ma decidere insieme di destinarle in modo utile e trasparente per creare servizi efficienti”. 

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com