Trapani. Ritornano le giornate dedicate al Florovivaismo a Marsala

Di fiori e di piante, da giardino o da interni,  in una parola di Florovivaismo si torna parlare a Marsala nella tre giorni dedicata ad un settore che malgrado la crisi ancora regge. Un comparto dove le aziende non chiudono, dove non c’è disoccupazione; un comparto dunque che ancora continua a mantenersi vivo, grazie soprattutto all’impegno di quanti vivono del settore dedicandovi parte della loro vita. E parliamo di imprenditori ma anche lavoratori e indotto.

Questa 13esima edizione è organizzata dall’Assessorato Regionale delle Risorse Agricole e Alimentari  attraverso il suo ufficio periferico Soat di Marsala ma si avvale come sempre della preziosa collaborazione dell’Associazione Florovivaisti marsalesi, di cui è presidente il dott. Rino Bonomo, e di altri organismi.

Importante anche la partecipazione fattiva del Comune di Marsala che mette a disposizione le strutture per l’esposizione dei fiori e delle piante e per i convegni. 
Ancora una volta i floricoltori del comprensorio tra Marsala e Petrosino da martedì 15 e fino a giovedì 17 novembre, accoglieranno, buyers, giornalisti, tecnici e operatori del settore provenienti dall’ Italia e dall’estero per fare conoscere il vasto assortimento delle loro produzioni, la loro attività e le loro aziende.  Ma la tre giorni marsalese 2011, dedicata ai fiori e alle piante coltivate in questi 330 ettari di superficie, sarà anche l’occasione per verificare l’andamento dei mercati, e perché no, cercare nuove strategie per potenziare ancora di più il settore.

La parte più importante della manifestazione è rappresentata dall’incoming commerciale  che si articola in visite a stand espositivi presso il complesso monumentale S. Pietro e le visite aziendali. 
Quest’anno la manifestazione assume dimensioni regionali, in quanto i buyer, oltre alle produzioni del florovivaismo marsalesi, avranno la possibilità di prendere visione delle produzioni delle altre tre realtà florovivaistiche della Sicilia: Milazzo, Catania e Ragusa. 
Infatti, domani 15 novembre, nell’atrio del complesso monumentale di San Pietro alcune aziende marsalesi e le associazioni florovivaistiche di Catania, Milazzo e Ragusa allestiranno degli stand espositivi di piante per l’arredo urbano e per giardini, di piante verdi da interno e di piante fiorite. 
Mercoledì 16 i buyer, dopo una visita ai mercati dei fiori Il Contadino e Florabella,  visiteranno le più interessanti aziende florovivaistiche del marsalese. 
Nella serata dello stesso giorno, alle ore 17,  è programmato, sempre nella sala conferenze di S. Pietro, un wokshop in cui  Buyer (quest’anno sono presenti rappresentanze di: Spagna, Tunisia, Albania, Romania e da altri Paesi dell’UE), produttori e giornalisti di settore faranno il punto della situazione. L’incontro è stato promosso dall’Assessore regionale dell’assessorato delle risorse agricole e alimentari, Elio D’Antrassi, con lo scopo di individuare le strategie che la regione siciliana deve intraprendere per rendere sempre più competitivo questo comparto. 
Un’altra parte della manifestazione è dedicata al pubblico ed ha lo scopo di promuovere la cultura della e piante e dei fiori fra i consumatori.  
Martedì  15  dalle 10 alle 13 nell’atrio comunale di Marsala si volgerà una dimostrazione di composizioni floreali, aperta al pubblico. 
Mercoledì 16 gli stand espositivi di S. Pietro potranno essere visitati dai cittadini e dalle scuole 
Non mancheranno i convegni e le tavole rotonde previsti mercoledì 15 a S. Pietro e giovedì 17 presso l’aula magna dell’Istituto Tecnico Agrario. 
L’assessore regionale sarà presente anche in occasione della Tavola rotonda per presentare l’Associazione dei florovivaisti della Sicilia , costituitasi alcuni giorni addietro e che comprende tutte le associazioni che aderiscono a questa manifestazione.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com