Fondi Ue: accordo regioni-governo, 8 mld per il Sud

Non un taglio dei fondi europei destinati alle regioni del sud ma una revisione dei programmi cofinanziati vincolata a quattro condizioni. E’ questo l’esito dell’incontro tra il Ministro per i Rapporti con le Regioni Raffaele Fitto e i presidenti delle Regioni meridionali. Le condizioni concordate sono: condivisione interistituzionale; revisione del tasso di cofinanziamento comunitario a condizione che le risultanti risorse nazionali siano vincolate al riutilizzo nel rispetto del principio della territorialita’. Sono i quattro settori di intervento sui quali saranno concentrati gli 8 miliardi di risorse comunitarie destinati alle Regioni del Mezzogiorno: infrastrutture, occupazione, istruzione e banda larga. Assicurazione da parte del ministro Fitto che “queste condizioni siano condivise dal Commissario europeo per le Politiche regionali Johannes Hahn e poste a base del Piano d’azione che Governo e Commissario sottoscriveranno”. Questo accordo e’ contenuto in un documento siglato dal ministro Fitto e dagli otto presidenti di Abruzzo, Campania, Basilicata, Calabria, Puglia, Molise, Sardegna e Sicilia. “Non c’e’ il rischio di perdere le risorse, l’Italia al 31 dicembre non perdera’ un euro di fondi comunitari. Il lavoro che stiamo facendo parte da un’altra considerazione: la situazione economica porta a rivedere gli obiettivi programmati 4-5 anni fa. Oggi ci concentriamo su quattro voci: infrastrutture, occupazione, banda larga e istruzione. Questa intesa allontana rischi, dubbi e perplessita’”. Cosi’ il ministro per i Rapporti con le Regioni Raffaele Fitto incontrando i giornalisti al termine della riunione con i presidenti delle otto regioni del sud, tenuto per chiarire la situazione dei fondi UE destinati al mezzogiorno. Il ministro ha espresso “grande soddisfazione per il lavoro fatto con i presidenti di regione. Questo testimonia che il tavolo di confronto che abbiamo messo in campo da molto tempo sta producendo dei risultati concreti. La rimodulazione prevede che le risorse rimangono sul territorio al quale sono assegnate ma con una modifica sostanziale degli obiettivi. Il documento siglato oggi sara’ inserito all’interno del piano d’azione che sottoscriveremo con il Commissario europeo per le Politiche regionali Johannes Hahn, che lunedi’ sara’ a Roma. Queste intese – ha concluso Fitto – completano nei tempi e operativamente gli accordi assunti dal governo italiano nella lettera inviata alla UE”. (ITALPRESS).

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com