Regione, Barone (Uil Sicilia): “Procede confronto col governo per tutela e stabilizzazione del Personale”

“Procede il confronto con il governo regionale in merito alla legge di Stabilità. In particolare sono state affrontate tutte le questioni relative al Personale della Regione siciliana. Personale definito da qualcuno “abbondante”,  se paragonato alle altre regioni italiane, dimenticando però le numerose funzioni che svolge. In questo caso non serve fare demagogia ma partire da un’attenta analisi”. Lo dice Claudio Barone, segretario generale della Uil Sicilia, a seguito dell’incontro avvenuto oggi proprio con l’assessore Gaetano Armao. E Barone spiega: “Abbiamo, ancora una volta, insistito sulla necessità di recuperare il biennio economico 2007/2008 dei dipendenti regionali, ritenendo che sia un arretrato contrattuale dovuto loro per legge. L’assessore condivide questa posizione, resta però il problema del reperimento delle risorse in Finanziaria”. E il leader della Uil continua: “Per quanto riguarda invece la riorganizzazione della macchina regionale, è stata condivisa la necessità di procedere al piano di modernizzazione, già più volte annunciato, ma che ancora oggi stenta a decollare. Tanto è vero che è stata prorogata la normativa sulla semplificazione delle procedure. Sarebbe opportuno, quindi, avviare una concertazione tra governo e sindacati. Inaccettabile è, poi, il ricorso alla long list di personale esterno, pur avendo la Regione a disposizione figure professionali adeguate, a cui però non sono state mai riconosciute le qualifiche. Per questo va implementata l’alta formazione regionale che può svolgere un ruolo strategico nel migliorare l’efficienza e la qualità della macchina burocratica e della capacità di spesa della Regione”. E Barone conclude: “Servono, inoltre, soluzioni concrete per salvaguardare il futuro dei 750 lavoratori della Protezione civile e dell’ex Arra. Per loro è necessaria la stabilizzazione. Così come devono essere tutelati gli operatori dei Consorzi di bonifica, che svolgono un servizio importante per un’agricoltura di qualità in Sicilia. Infine, va approfondito il dispositivo del Bacino unico del Personale, necessario per conoscere tutte le figure professionali che gravitano alla Regione. Solo così sarà possibile arrivare ad un utilizzo razionale e concreto, mettendo un freno alle clientele, senza per altro intaccare il bilancio”.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com