Sicilia: Filippello, operatori formazione insultano e ottengono 50 milioni, imprenditori rispettano regole e vengono dimenticati

“I lavoratori e gli operatori della formazione professionale ogni giorno insultano politici e deputati, manifestano e assediano l’Ars, e alla fine estorcono ciò che vogliono: 50 milioni di euro assegnati con una norma nel corso dell’ultima seduta del parlamento regionale. Nel frattempo, invece, 60 mila imprese che rischiano di chiudere e mandare a casa i loro dipendenti restano a bocca asciutta e non ricevono ciò che spetterebbe loro per legge. Questo atteggiamento da parte della classe dirigente regionale è semplicemente vergognoso”. Lo dice Mario Filippello, presidente regionale di Assoconfidi Sicilia.

“Siamo di fronte ad un ennesimo schiaffo a tutti quegli imprenditori che con onestà e rispetto delle regole portano avanti l’economia dell’isola, e ancora una volta – aggiunge Filippello – passano in secondo piano di fronte alla logica del ricatto e dell’assistenzialismo. Questo atteggiamento da parte del governo e dell’Ars mortifica la Sicilia”.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com