Unifidi Imprese Sicilia diventa Confidi rating dal 14 luglio tempi più celeri e maggiori garanzie per le pmi

Unifidi Imprese Sicilia accelera i tempi di istruttoria pratiche e offre nuovi servizi e maggiori garanzie ai suoi soci. Il 14 luglio scorso, infatti, il comitato di gestione del Fondo centrale di garanzia ha autorizzato Unifidi a certificare, ai fini dell’ammissione all’intervento del fondo, il merito creditizio delle proprie imprese attestando che risultino economicamente e finanziariamente sane. Per il direttore generale di Unifidi Imprese Sicilia, Giovanni Scollo, si tratta di “un altro importante riconoscimento per il lavoro da noi svolto, giunto in un momento in cui è necessario dare un segnale forte, una maggiore spinta all’economia siciliana sempre più vessata dalla crisi, ma soprattutto, rappresenta un nuovo impegno che ci assumiamo nei confronti dei nostri associati: tempi più celeri e maggiori garanzie. Nel primo semestre del 2011 sono state oltre 540 le pratiche ammesse al Fondo centrale di garanzia, per un totale di oltre 20 milioni di euro di finanziamenti erogati e controgarantiti. Attraverso l’ammissione diretta al Fondo di garanzia, prevediamo di incrementare del 50% sia il numero delle imprese assistite da controgaranzia sia l’importo finanziato entro la fine dell’anno, e di giungere a numeri ancora più rilevanti nel 2012”.

Poter rilasciare la controgaranzia in maniera diretta, oltre a consentire a Unifidi di ampliare la propria capacità operativa verso gli Istituti di credito, ne rafforza ulteriormente la posizione nei confronti del sistema bancario rispondendo, oggi, sia ai requisiti richiesti ad un Confidi 107 che a quelli richiesti ad un Confidi rating.

“La possibilità di certificare il merito creditizio delle nostre imprese socie è un ulteriore strumento a sostegno dell’economia siciliana – dichiara Pietro Speranza, presidente di Unifidi Imprese Sicilia – innanzitutto  perché a valutare le aziende è una struttura locale che agisce sul territorio, lo conosce e lo promuove. Significa, inoltre, ridurre i tempi di attesa per l’ottenimento della garanzia per le imprese; offrire ulteriori garanzie alle banche e quindi maggiore capacità operativa nei loro confronti e fornire più assistenza e credito alle imprese in fase di start up. Tutti elementi  fondamentali per il rilancio della nostra economia”.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com