Ragusa. Inaugurata mercoledì scorso nuova sede Confcooperative

C’erano tutti i rappresentanti delle associazioni datoriali di categoria della provincia di Ragusa ieri pomeriggio, in viale dei Platani, ad assistere al taglio inaugurale del nastro per la nuova sede di Confcooperative Ragusa. Una cerimonia carica di significato anche per il nuovo inizio, nell’area iblea, che caratterizzerà l’attività dell’organizzazione nell’assistenza e nell’erogazione di servizi alle cooperative aderenti. E non è un caso che a sovrintendere all’appuntamento ci sia stato il presidente regionale Confcooperative Sicilia, Gaetano Mancini, con i sub-commissari Luciano Ventura e Gianni Gulino che hanno fatto gli onori di casa. Dopo il taglio del nastro, presente il sindaco di Ragusa, Nello Dipasquale, e il presidente della Provincia, Franco Antoci, oltre al presidente della Camera di Commercio, Giuseppe Cascone, Mancini ha sottolineato le opportunità che si intendono creare con una presenza ancora più radicata sul territorio in un momento storico in cui, a causa della crisi economica, il mondo della cooperazione, il cui obiettivo primario è quello della tutela del capitale sociale e quindi del mantenimento dei livelli occupazionali, può esercitare un ruolo di guida insostituibile per l’intero territorio. “Alla realtà economica iblea – ha aggiunto Mancini – intendiamo fornire un contributo sostanziale. Porteremo la nostra esperienza. Ma anche, e soprattutto, la voglia di crescere”.

Soddisfatto per l’andamento dell’iniziativa di ieri il sub-commissario Gianni Gulino. “E’ stato un momento di rilancio della nostra presenza sul territorio – chiarisce – e devo dire che le risposte, in termini di presenze, non sono mancate. Ringrazio tutti coloro che hanno voluto esserci e da questo momento in poi cercheremo di marcare l’economia locale con le nostre condotte di sviluppo. Facciamo salvo l’auspicio che l’attuale fase di stagnazione possa, in qualche modo, finire. Noi siamo pronti a fare, sino in fondo, la nostra parte, dirigendo l’attenzione, in particolare, nei comparti del sociale e del turismo chiamati a svolgere il ruolo di settori trainanti per il futuro”

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com