Catania. Protesta dei lavoratori ex Cesame

Sono saliti sul tetto dell’ istituto di medio credito Irfis di Largo Paisiello a Catania per un’azione di protesta. Vogliono risposte, vogliono sperare ancora di recuperare il proprio posto di lavoro. I lavoratori della ex Cesame stanno manifestando la loro preoccupazione e intendono segnalare l’esistenza di un ultimo ostacolo che impedisce di rilanciare l’azienda e recuperare i  140 posti di lavoro.  L’ Irfis ha infatti espresso parere negativo alla proposta effettuata dalla neonata cooperativa rivendicando due milioni di euro e mettendo in discussione la realizzazione stessa del progetto. La condizione posta dai commissari ministeriali dopo aver valutato e ritenuto valido il piano industriale dei lavoratori, era stata quella del recupero delle somme a saldo del debito con l’Irfis che è il maggior creditore della Cesame. Dopo lunghe trattative la cooperativa ha deciso di rinunciare a circa il 50 % dello stabilimento che ha un valore commerciale pari al credito che vanta l’Irfis nei confronti della procedura straordinaria. Inoltre, la cooperativa si impegna a versare 500 mila euro a titolo di acquisto del diritto contenzioso sulla restante parte dello stabilimento. Ma l’Irfis non ci sta. La Filctem Cgil e i lavoratori chiedono adesso un segnale d’attenzione concreto dal presidente della Regione, Raffaele Lombardo.

Autore: Alessandra Bonaccorsi

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com