Energia, Barone (Uil Sicilia): “Lombardo riorganizzi il settore ”

“Il governo regionale sblocchi al più presto gli investimenti nel settore energetico”. Lo chiede Claudio Barone, segretario regionale della Uil Sicilia, che aggiunge: “Mille milioni di euro di investimenti per realizzare il rigassificatore a Priolo rischiano di andare verso altre regioni che stanno velocemente ultimando gli iter autorizzativi di questi impianti. In Sicilia si perderebbero così posti di lavoro per la realizzazione e gestione di questi impianti. Ma si perderebbe anche una grande occasione per l’industria agroalimentare, che potrebbe beneficiare della catena del freddo associata al processo di rigassificazione”. E Barone continua: “Fare scappare Erg e Shell significherebbe, per i grandi investitori internazionali, che la Sicilia non è terra dove è possibile fare impresa e creare lavoro. Anche nell’area petrolchimica di Gela si sta attraversando una delicatissima fase di riorganizzazione che mette in discussione i posti di lavoro e le prospettive del settore”. E Barone conclude: “Chiediamo al governo di favorire un processo di riorganizzazione che tuteli l’occupazione e consenta il risanamento dell’ambiente, facendo la sua parte a partire dalla rimessa in operatività della diga foranea fondamentale per l’approvvigionamento del greggio. Crediamo che un segnale concreto debba essere il confronto con i sindacati su questi temi”.   

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com