Lombardo “apre” a Pd e Udc: “penso ad alleanza programmatica”

“Per ora sono intento a risolvere un paio di emergenze: precari e rifiuti. Solo dopo potremo parlare d’altro”. Lo dice il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, in un’intervista pubblicata stamani da “Il Sole 24 Ore” parlando della possibilita’ di formare un nuovo esecutivo. Lombardo dice di pensare a “una maggioranza di legislatura per le riforme, che sin da ora si organizzi come alleanza per le prossime elezioni”.

     “Un’alleanza – aggiunge – programmatica, per l’energia, i rifiuti e per l’attuazione dell’articolo 15 dello Statuto che prevede che tra la Regione e i Comuni ci siano liberi consorzi, non Province. Questo vuol dire passare ai Comuni tutti i poteri delle Province e molti di quelli della Regione. Vorrei una Regione agile che svolga funzioni di indirizzo e vigilanza e che la gran parte dei poteri sia trasferita a i Comuni”. “Questi punti programmatici – sottolinea Lombardo – selezioneranno i contraenti per poi procedere speditamente nel governo. Se non ci saranno le condizioni per una svolta piu’ radicale e agile ne prendero’ atto. Chi ci stara’ dovra’ sottoscrivere questo programma per l’intera sua durata e per le prossime lezioni. Occorre una sintonia politica che puo’ nascere solo se si sa fin d’ora che si andra’ insieme alle prossime elezioni. Se costruisco

oggi un’alleanza e ne faccio un’altra domani per le elezioni si avra’ sempre una diffidenza gli uni con gli altri che non ci farebbe andare avanti”.

     Parlando poi dei rapporti con il sottosegretario Gianfranco Micciche’, Lombardo spiega che “il problema mio e di Micciche’ non e’ Berlusconi, ma i suoi uomini, quelli ai quali ha dato mano

libera sulla Sicilia”. “Io – sottolinea il governatore siciliano – faro’ una scelta di campo autonomistica per le riforme e lo sviluppo e questa varra’ per Micciche’ e per il Pd. Sara’ il progranma a selezionare e determinare la durata dell’alleanza”. Alleanza alla quale potrebbe partecipare anche l’Udc. “Perche’ no? – dice Lombardo – Non e’ una questione di antipatia o simpatia. Chi vuole fare dimagrire una regione obesa di poteri e di sprechi e accelerare la svolta riformista si faccia avanti”.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2FB Auto Publish Powered By : XYZScripts.com