Confidi, una rete per le imprese ma la Regione deve fare di più

Anche Fideo, così come altri confidi siciliani, chiude in positivo il bilancio 2009. Il sistema dei confidi siciliani ha funzionato come un vero e proprio ammortizzatore sociale per il sistema delle imprese dell’isola strette dalla morsa della crisi. I confidi siciliani, almeno quelli più importanti, hanno fatto da cuscinetto per evitare che le imprese del commercio, dell’artigianato, dell’industria e dei servizi piombassero nella crisi più nera per difficoltà di accesso al credito proprio in un momento in cui le banche si chiudevano a riccio nella erogazione dei credito. Il sistema dei confidi, con i suoi 100 mila soci, di cui una percentuale molto alta operativi, ha fatto da argine e questo argine ha funzionato. Il sistema bancario ha ricominciato ad erogare finanziamenti proprio attraverso la cinghia di trasmissione dei confidi.

Solo il Gruppo Unicredit con Impresa Italia, in Sicilia, prevalentemente tramite il Bds, ha erogato qualcosa come 300 milioni di euro. Secondo una stima il sistema bancario ha erogato nel 2009 circa 600 milioni di euro e di questi la maggior parte tramite i confidi. La crescita di Fideo va quindi contestualizzata all’interno di un sistema che sta crescendo sempre di più ma che ha necessità di essere riorganizzato e irrobustito da un punto di vista patrimoniale. A capire per prima il vantaggio che avrebbe comportato l’utilizzo del sistema dei confidi sono state proprio le banche che in questi ultimi mesi hanno imparato a intrattenere rapporti strettissimi con i più importanti confidi dell’isola. Il tandem banche-confidi finora ha funzionato benissimo ma occorre fare di più E questo di più lo deve mettere la Regione sia in termini di risorse che in termini di interventi normativi che puntino a una accelerazione del processo di concentrazione rispetto a una situazione di eccessiva frammentazione che ancora si riscontra nell’isola rispetto ad altre regioni dove il processo di concentrazione è già avvenuto da un bel pezzo.

Andrea Naselli

Autore: Andrea Naselli

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com