Alla Sac Service 360 lavoratori rischiano il posto

La Fit Cisl etnea lancia il grido d’allarme: alla Sac Service 240 dipendenti a tempo indeterminato e 120 operatori stagionalizzati sono a rischio. Secondo quanto riportato dal sindacato “nessuno di loro riceve da settimane informazioni sul futuro dell’azienda e principalmente sul futuro del proprio posto di lavoro”.

L’azienda, tra l’altro è in stato di liquidazione dal 30 settembre e attualmente è gestita dal commissario liquidatore. Ma sulla situazione economica futura il sindacato nutre dei dubbi.

A riguardo interviene Gianluca Micalizzi, segretario azinedale Fit Cisl che afferma: “Diversi sono i quesiti ai quali l’azienda deve ancora dare delle risposte, un primo punto ruota attorno ai livelli occupazionali che l’azienda ha raggiunto nei primi mesi del 2009, quando, all’interno di un quadro di crisi che colpiva il settore da oltre un anno e di un evidente calo nel traffico aereo che ha toccato punte massime del 30% rispetto al 2008, ha quasi raddoppiato le assunzioni di operatori aeroportuali a tempo determinato”. E aggiunge: “E’ probabile che un’attenta analisi dei flussi avrebbe evidenziato come si sarebbe potuto prevedere il calo e non esporre l’azienda alle difficoltà economiche a cui oggi deve far fronte. Il paradosso è che a oggi, all’interno di una se pur lenta ripresa del traffico aereo e dell’avvicinarsi del periodo natalizio, l’azienda sta riducendo progressivamente anche il restante personale a tempo determinato, (in servizio attualmente una trentina di cui la maggior parte in scadenza di contratto) con il rischio futuro di produrre disagi al passeggero”.

Micalizzi fa riferimento alla situazione dei lavoratori e asserisce che “L’unico dato inequivocabile è l’apprensione e lo stress che in questi giorni sono costretti a vivere”.

Autore: Alessandra Bonaccorsi

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com