Governo Lombardo a bagnomaria, la Sicilia a mollo

raffaele lombardoIl documento di programmazione economico-finanziaria presentato dal governo regionale presieduto da Raffaele Lombardo e’ stato bocciato dall’Assemblea regionale siciliana con un doppio voto a Sala d’Ercole.

L’ordine del giorno che tendeva ad approvare il Dpef, firmato dai deputati del Mpa e del Gruppo Sicilia e accettato dal governo, e’ stato respinto con 41 “no” e 28 “si”, mentre il documento che lo respinge e che porta le firme dei parlamentari del Pd e’ stato approvato con 44 voti favorevoli e 27 contrari.

I capigruppo del Pdl Innocenzo Leontini e dell’Udc Raimondo Maira avevano dichiarato che i parlamentari delle loro rispettive formazioni politiche avrebbero votato a favore del documento

presentato dal Pd in quanto simile nei contenuti ai propri ordini del giorno. I lavori d’Aula, alla cui presidenza si sono avvicendati il presidente dell’Assemblea siciliana Francesco Cascio e il

vicepresidente vicario Santi Formica, sono stati rinviati a martedi’ 17 novembre 2009 alle ore 17 -dopo una riunione della conferenza dei capigruppo- con all’ordine del giorno le comunicazioni del presidente della regione sulla posizione dell’assessore alla presidenza Gaetano Armao in merito “ai suoi rapporti con le societa’ gia’ concessionarie per la realizzazione dei termovalorizzatori”, la discussione del rendiconto generale della regione per l’esercizio finanziario 2008 e l’esame dell’assestamento di bilancio per il 2009. (ITALPRESS).

 

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com