Legalita’: Confindustria Trapani parte civile in processo contro racket

Il Gup presso il Tribunale di Palermo ha ammesso la costituzione di parte civile di Confindustria Trapani nel procedimento Adamo + 10, pendente nei confronti di 11 imputati, ai quali vengono contestati reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, danneggiamenti, intestazione fittizia di beni ed altro.

     “La condotta criminale contestata agli imputati – dice il presidente degli industriali trapanesi, Davide Durante – rappresenta una persistente e grave violazione della liberta’ di iniziativa economica produttiva di un danno non soltanto agli imprenditori vittime di tale condotta ma anche all’interesse collettivo e all’immagine stessa dell’intera categoria degli Imprenditori della provincia di Trapani”.

     “Non abbiamo esitato – prosegue – ad assumere questa ulteriore iniziativa in applicazione di quanto deliberato da Confindustria circa l’impegno contro la mafia ed ogni altra forma di illegalita’ ed auspichiamo che la nostra decisione sia di ulteriore stimolo affinche’ un numero sempre maggiore di imprenditori scelga un percorso di legalita’ come unica soluzione possibile per operare in un contesto socio-economico privo di condizionamenti di qualsiasi tipo”. (ITALPRESS).

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2FB Auto Publish Powered By : XYZScripts.com