turismo, travelexpo, terassini, edilizia, Ance Sicilia, Legacoop, Cna, Aniem e Claai, tetti fotovoltaici, regione sicilia, femca cisl, confeserfidi, pmi, francesco parisi, casartigiani, fedart fidi, artigiani

Turismo, 11esima edizione di Travelexpo all’Hotel Città del Mare Cerimonia d’inaugurazione dell’undicesima edizione di Travelexpo Salone Internazionale del Turismo che avrà luogo venerdì 17 aprile 2009 alle ore 9,30 all’hotel Village Città del Mare di Terrasini, a cui parteciperà l’On.le Giambattista Bufardeci, vice Presidente e Assessore al Turismo della Regione Siciliana. A conclusione seguirà l’Open Forum su: “Turismo in Sicilia prossimo venturo” e la sessione pomeridiana sarà dedicata al tema “Superare la crisi”. Nel corso della stessa giornata si potrà visitare il Salone e partecipare al Workshop che si svolgerà dalle 11 alle 19. Crisi edilizia, associazioni: “subito tavolo di confronto con regione” riunitesi a Palermo per analizzare la grave crisi che ha colpito il settore edile nell’Isola, chiederanno unitariamente al governo regionale e alle forze politiche un tavolo di confronto “per valutare quali interventi mettere subito in campo per affrontare l’emergenza”. Le associazioni delle imprese edili chiedono al Governo e all’Ars “percorsi dedicati e snelli che consentano di cantierare subito le opere pubbliche appaltabili; di reperire nuove risorse da destinare agli enti locali per opere di manutenzione ordinaria e straordinaria di strade, edifici pubblici, scuole, arredo urbano, (opere immediatamente cantierabili e diffuse su tutto il territorio regionale); di accelerare le procedure di spesa della Regione a partire dai fondi del Por 2007-2013”. E lamentano anche “il forte ritardo, di oltre quattro mesi, nella pubblicazione del nuovo prezziario regionale, fatto che incide ulteriormente sui bilanci delle imprese, costrette a sostenere costi superiori a quanto sarà loro rimborsato”. Chiedono ancora che “si apra una discussione sull’eventuale reintroduzione di un meccanismo di revisione dei prezzi in corso d’opera, per fare fronte alle continue evoluzioni tariffarie e di mercato”.Quanto ai debiti delle pubbliche amministrazioni, le associazioni delle imprese di costruzioni insistono sulla “necessità di un provvedimento legislativo regionale che acceleri i pagamenti di cassa da parte degli enti morosi e che reintroduca lo strumento dell’anticipazione del prezzo d’appalto”. Sul piano normativo, Ance Sicilia, Legacoop, Cna, Aniem e Claai intendono “confrontarsi con il Governo e con le forze politiche su una revisione ragionata, snella ed efficace della legge sugli appalti, e sulla rivisitazione, ritenuta inevitabile, di alcune parti della legge regionale 15 del 2008 (legge antimafia) che hanno mostrato difficoltà di applicazione, come il conto unico”. Infine, sul Piano casa le associazioni sono “disponibili ad un dialogo che tenga conto dell’esigenza di salvaguardare l’occupazione senza perdere di vista la sicurezza nei cantieri”. Energia, firmato accordo per iniziativa “1000 tetti fotovoltaici” Novemila impianti fotovoltaici verranno realizzati nelle nove province siciliane grazie all’accordo di collaborazione sottoscritto oggi fra l’assessorato all’Industria della Regione Siciliana, il Gruppo Beghelli e la fondazione onlus Horcynus Orca. L’obiettivo è di realizzare 9.000 sistemi fotovoltaici, di potenza pari a 3 Kw destinati alle famiglie siciliane, favorendo il reinserimento sociale e lavorativo di persone a rischio di emarginazione. Oltre alla famiglie, possono aderire all’iniziativa, stipulando appositi accordi, i Comuni e gli enti provinciali per l’installazione dei tetti fotovoltaici su edifici pubblici di propria competenza, come scuole e uffici, le aziende sanitarie locali, le Curie Vescovili, le parrocchie, le carceri delle nove province e le piccole imprese agricole ed artigianali. L’iniziativa sarà attuata attraverso la pubblicazione di un bando finalizzato all’erogazione di un contributo in conto capitale a favore di tutti gli utenti beneficiari del progetto, che potranno godere di energia elettrica per 20 anni a costo zero. Il costo complessivo dell’installazione prevede infatti l’investimento da parte degli utenti di soli 450 euro circa, in parte finanziati dalla Regione. L’accordo pre- vede che lo svolgimento dell’attività di progettazione, realizzazione degli impianti e manutenzione, in modo da assicurare il funzionamento degli impianti per tutta la dura- ta prevista (20 anni), verranno assicurate dalla Beghelli in collaborazione con l’asso- ciazione onlus Horcinus Orca. La novità dell’iniziativa consiste nell’accordo fra un soggetto industriale come il Gruppo Beghelli, che fornirà i materiali e il supporto necessario al montaggio e all’assistenza tecnica attraverso installatori locali qualifica- ti, e l’associazione onlus, che, attraverso la sua rete di piccole cooperative sociali curerà la parte progettuale, occupandosi inoltre della stesura di progetti finalizzati a favorire l’inserimento sociale e lavorativo di 135 persone in condizione di esclusione sociale. Priorità sarà data alle persone internate nell’Opg di Barcellona Pozzo di Gotto o a grave rischio di internamento dai carceri e dai territori siciliani. “Il nostro assessorato – commenta l’assessore Gianni – sta impegnando tutte le risorse umane disponibili alla piena attuazione del Piano energetico regionale, promuovendo gli interventi per la realizzazione di tutte le sue parti. Quindi, oltre agli impianti industriali, siamo interessati anche ai progetti di diffusione dei piccoli impianti, presso tutte le famiglie e presso gli enti locali, in maniera da diffondere capillarmente sul territorio le fonti di energia pulita. Con l’accordo odierno promuoveremo la diffusione del fotovoltaico presso le famiglie che godranno, con un costo ridottissimo, di energia gratis per 20 anni. Risultato non secondario sarà quello di mettere in moto un pezzo delle nostre piccole imprese che avranno il compito di realizzare gli impianti ed inoltre attraverso l’onlus, con il coinvolgimento del Ministero di Grazia e Giustizia, il reinserimento sociale e lavorativo di persone a rischio di emarginazione”. Energia, Cisl: Parisi eletto segretario Femca Sicilia Francesco Parisi, 52 anni, dipendente dell’Amap di Palermo, è stato eletto alla guida della Femca siciliana, la categoria Cisl dei lavoratori dell’energia, chimici e tessili. La Femca conta, in Sicilia, seimila iscritti. Ha celebrato a Palermo il congresso regionale che ha eletto Parisi all’unanimità, segretario generale. Presenti Maurizio Bernava, numero uno della Cisl Sicilia, Sergio Gigli, leader nazionale della categoria e l’assessore regionale all’Industria, Pippo Gianni, il congresso ha scelto pure la nuova segreteria della Femca Sicilia. Ne fanno parte Sebastiano Spagna ed Emanuele Gallo, dipendenti rispettivamente del petrolchimico di Siracusa e di quello di Gela. Parisi ha alle spalle una militanza ventennale nelle fila della Cisl, per la quale è stato anche segretario della Femca palermitana. Tra le richieste che il neo-eletto ha avanzato al governo regionale, “in un’ottica di compatibilità tra ambiente e sviluppo”, la convocazione del tavolo di concertazione previsto dal piano energetico regionale; un accordo di programma anche per il polo petrolchimico di Gela; l’attuazione dell’accordo di programma del 2005 per il petrolchimico di Priolo. E l’accelerazione delle procedure per realizzare i rigassificatori di Porto Empedocle e Priolo. Gianni ha assicurato che “il piano energetico regionale è un work in progress e che il governo è aperto al confronto col sindacato”. Confeserfidi e Casartigiani Sicilia impegnati a sostenere le imprese artigiane e le pmi Confeserfidi e Casartigiani Sicilia siglano un protocollo d’intesa per mettere in campo una strategia di intervento a favore delle imprese artigiane, in questa difficile fase congiunturale, nella quale gli imprenditori reclamano interventi da parte delle istituzioni ed un agevole accesso al credito. A siglare l’accordo l’Amministratore delegato di Confeserfidi, dott. Bartolo Mililli ed il Presidente dell’associazione regionale Casartigiani, dott. Michele Marchese. L’Amministratore delegato di Confeserfidi spiega che “ è necessario un accordo quadro sul credito in Sicilia che fissi gli obiettivi, gli strumenti ed i tempi per dare ossigeno al tessuto produttivo siciliano e quindi anche alle imprese artigiane e alle pmi. Già alla fine dello scorso mese di marzo avevo chiesto- aggiunge Mililli- al coordinatore regionale di Casartigiani, Michele Marchese di rappresentare questa necessità in tutti i tavoli istituzionali perché la Sicilia ha i fondi e gli strumenti per aiutare le imprese. La pesante crisi ha bisogno di interventi straordinari da parte di tutti i soggetti interessati, ma ha anche bisogno di messaggi chiari, coerenti che vadano nella direzione giusta. E’ necessario comunque che le banche continuino ad assicurare l’erogazione del credito anche alle imprese che si trovano in difficoltà”. Ed intanto l’Associazione Italiana Esercenti d’Impresa, di cui è Presidente Bartolo Mililli, ha ufficializzato di aderire a Casartigiani Sicilia, l’Associazione sindacale di categoria che opera su tutto il territorio regionale da oltre 60 anni. “L’obiettivo – spiega sempre Mililli – è di rappresentare unitariamente l’artigianato e le pmi in tutte le componenti del settore, sia dell’artigianato dei servizi sia quello di produzione, nei rapporti con le istituzioni ed amministrazioni locali, con le organizzazioni economiche, politiche, sindacali, sociali e con ogni altra componente sociale; difendere e propagandare le attività tradizionali dell’artigianato e promuove iniziative”. L’adesione di Esercenti d’Impresa è stata accolta con particolare soddisfazione da tutti gli organi di Casartigiani. “La collaudata amicizia – afferma il coordinatore generale di Casartigiani Sicilia, Michele Marchese – con Bartolo Mililli, la serietà e l’autonomia gestionale delle due strutture, ha consentito questa unione che, certamente, farà crescere ancora di più sia Casartigiani che Confeserfidi”. Progetto “Impresa Italia” di Unicredit Group, Con.fi.m. e Banco di Sicilia Ragusa firmano convenzione Nuova convenzione nell’ambito del progetto “Impresa Italia” di Unicredit Group in accordo con le associazioni di categoria e le federazioni dei confidi. E’ stato sottoscritto, presso la sede del Banco di Sicilia di Ragusa, tra il Banco di Sicilia Spa, rappresentato da Giambattista Cascone nella qualità di condirettore P.I.-Confidi e Finanza agevolata Sicilia Sud, e il Con.fi.m. soc. coop. rappresentato dal presidente e legale rappresentante Matteo Bellamacina. Il progetto “Impresa Italia” di Unicredit Group ha destinato un investimento di 5 miliardi di euro a supporto del mondo produttivo. Per la Sicilia, l’avvio operativo prevede un plafond di 360 milioni di euro ed è destinato ai finanziamenti delle piccole e medie imprese siciliane attraverso la valorizzazione delle garanzie dei consorzi fidi. Con l’avvio, già da subito, dell’operatività della nuova convenzione con il Banco di Sicilia, il Con.fi.m. rafforza ulteriormente il proprio ruolo a sostegno dei finanziamenti delle piccole e medie imprese siciliane.“Il nostro consorzio fidi – affermano il presidente Matteo Bellamacina unitamente al vice presidente Salvatore Vargetto, quest’ultimo presidente dell’associazione Upla Claai a cui il Con.fi.m. fa riferimento – ha concretizzato un obiettivo di tutto rispetto. Riteniamo che, in questo momento congiunturale negativo e molto delicato quale quello che sta attraversando il sistema del credito alle imprese, la nuova convenzione del progetto Impresa Italia con le nuove specifiche soluzioni dei finanziamenti, rappresenterà certamente uno strumento valido per il rilancio del sistema economico, produttivo imprenditoriale, a sostegno ed a favore dell’accesso al credito delle imprese”. Indagine Fedart Fidi: 6,3 miliardi di finanziamenti garantiti erogati nel 2008 alle imprese artigiane Ammontano a 6.312,8 i fondi erogati dai Confidi nel 2008 per garantire i finanziamenti a 735.619 artigiani e piccole imprese. Un trend in crescita rispetto al 2007 quando i finanziamenti concessi dai Confidi sono stati pari a 6.088,0 milioni per 715.000 imprese. Questi alcuni dei dati illustrati nel corso della presentazione della 12° edizione dell’indagine sul sistema dei 192 Confidi artigiani, svoltasi nei giorni scorsi a Roma da Fedart Fidi (Federazione nazionale unitaria dei consorzi e cooperative artigiane di garanzia), promossa da Cna, Confartigianato e Casartigiani. – 10 aprile 2009 –

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com