cna, petizione, imprese, crisi, Lombardo

Cna iblea: una petizione con richieste da presentare al governatore Lombardo

Anche la Cna di Ragusa sta fornendo il proprio concreto sostegno alla petizione avviata dalla Confederazione su base regionale per raccogliere firme da inserire in una petizione. Le stesse verranno inserite nel contesto della mobilitazione delle imprese siciliane per chiedere al presidente della Regione, Raffaele Lombardo, misure eccezionali per superare la crisi. Le firme possono essere apposte sul documento, dai piccoli e medi imprenditori dell’area iblea, presso la sede Cna di Ragusa, in via Psaumida 38, e presso tutte le altre sedi territoriali Cna presenti in provincia. Al Governo e al Parlamento regionali si chiede di intervenire con norme e provvedimenti straordinari e urgenti sul fronte della riduzione della pressione fiscale attraverso la revisione immediata degli indici di congruità degli studi di settore per le pmi siciliane. In evidenza anche la necessità del blocco e del cambiamento delle procedure di recupero dei vecchi debiti fiscali e previdenziali, consentendo la loro rateizzazione e l’abolizione in contemporanea delle sanzioni. Per la Cna, inoltre, è fondamentale l’approvazione immediata di nuove norme che prevedano l’uso immediato dei fondi pubblici europei, nazionali e regionali che consentano l’attivazione degli ammortizzatori sociali in deroga per i dipendenti del settore dell’artigianato e del commercio e l’attivazione degli ammortizzatori sociali per i dipendenti delle pmi con procedure nuove anche attraverso gli enti bilaterali e i contratti di solidarietà. Viene anche richiesta l’accelerazione della spesa pubblica nella regione Sicilia con l’avvio delle misure dei Por 2007-2013 e lo snellimento delle procedure burocratiche, nonché con il lancio di un piano straordinario di edilizia pubblica per interventi per manutenzioni ordinarie e straordinarie di edifici pubblici, scuole, strade. La Cna rivendica, altresì, il pagamento immediato da parte della Pubblica amministrazione di tutto quanto dovuto alle imprese per servizi, forniture, lavori, per contributi per i regimi di aiuto e sostegno all’occupazione previsti da normative nazionali e regionali e da anni non pagati alle imprese.
– 7 aprile 2009 –

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com