Confeserfidi moltiplica per 5

Nel 2009 almeno 5 nuove sedi in Sicilia per Confeserfidi. E’ quanto prevede il piano industriale del confidi varato nei giorni scorsi dal consiglio di amministrazione e che prevede una ulteriore espansione territoriale nelle province siciliane. Queste le sedi che verranno aperte nei prossimi mesi: Messina, Catania, Caltanissetta, Agrigento, Enna ed altre ancora.
 
“Abbiamo predispoto”, afferma il direttore generale di Confeserfidi Bartolo Mililli,
“un piano che dovrebbe portare il nostro consorzio ad incrementare la propria operatività nel territorio siciliano. Oggi per rafforzarsi ulteriormente è necessario muoversi in sintonia con le opportunità che arrivano, offrendo alle imprese, nei loro percorsi di crescita e sviluppo, la possibilità di un sostegno finanziario adeguato”.
Il piano è stato presentato nei giorni scorsi dal consulente esterno, Claudio Zerbinati: “Vogliamo ragguingere due obiettivi: rafforzare, in termine quantitativo, la rete di vendita e di effettuare uno screening dell’esistente a livello qualitativo e rafforzare le alleanze bancarie”. Oltre alle nuove aperture vi sarà anche l’inserimento di una ventina di consulenti nell’area di Trapani e provincia e Palermo e provincia, nonché l’eventuale ricambio di altri consulenti sulle aree di Catania, Messina e  Caltanissetta”.
Per intanto, tra le prime misure del 2009 la decisione di estendere sino all’80% la linea di finanziamento per le aziende che presenteranno progetti per le energie rinnovabili sulla base del finanziamento dello Stato che, a questa azione, ha destinato 10 milioni di euro. Al finanziamento, finalizzato ai progetti di ricerca per aumentare l’efficienza energetica, possono accedere associazioni di imprese con dentro enti puubbilci per una quota non eccedente il 50%.
 
“Nel corso degli ultimi quattro anni gli italiani hanno dimostrato”, spiega il vice presidente di Confeserfidi Giuseppe Asta, “un utilizzo più consapevole delle risorse energetiche: in crescita gli accorgimenti sul rispetto ambientale e l’acquisto di elettrodomestici a basso consumo. C’è un tendenziale miglioramento dell’efficienza energetica nel sistema industriale, con l’uso di impianti di cogenerazione. Segnali positivi che spingono all’ottimismo e, nel contempo, a sostenere, come consorzio di garanzia fidi, le piccole e medie imprese interessate ai progetti relativi all’utilizzo di fonti rinnovabili”.
Mario Ingrao
–        23 gennaio – 2009 –

Autore:

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com