LE ALTRE NOTIZIE CT

Firmato Apq per area protetta Acireale-Acicastello (Al.Bo) l sindaco di Acireale ha firmato un accordo di programma per l’area marina protetta ricadente tra i comuni di Acireale e Acicastello. “L’accordo firmato a Roma – sottolinea il primo cittadino del centro acese, Nino Garozzo – è fondamentale per smaltire le acque reflue del nostro territorio e della frazione di Capomulini, zona di particolare pregio per l’esistenza delle riserve marine e terrestri in maniera particolare”. Per il Comune ha siglato l’accordo il direttore della comunale Sogip, servizi idrici, Salvatore Messina. La partecipazione economica del Comune di Acireale attraverso la Sogip sarà possibile con i fondi della tassa di depurazione e fognatura che troveranno così il primo impiego. “Adesso – aggiunge il sindaco – bisognerà ripensare alla depurazione su tutto il resto della città attraverso la modifica dell’attuale Parf che preveda o un depuratore di minore impatto ambientale e non più consortile, o l’allaccio diretto al depuratore di Catania”. xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Forina nuovo direttore Coldiretti Catania e Messina Gerardo Forina, 36 anni, palermitano, sposato e con tre figli, e’ il nuovo direttore delle Federazioni Coldiretti di Catania e Messina. Sostituisce Vito Tizzano, chiamato a dirigere la Federazione di Roma. Forina e’ in Coldiretti da 12 anni. Ha sempre lavorato nella sede di Palermo, di cui e’ stato vicedirettore. “Sono convinto che l’agricoltura della fascia orientale della Sicilia abbia delle grandi potenzialita’ – afferma – su cui occorre lavorare partendo dal confronto con le Istituzioni. Abbiamo un chiaro obiettivo: garantire produzioni di qualita’ per favorire il mercato guardando allo sviluppo delle imprese agricole e alla salute dei consumatori”. 
xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Cesame, i sindacati al prefetto: avviare il confronto Avevano accettato i licenziamenti sulla base di un accordo ufficiale e importante stilato con il Comune e la Provincia di Catania. Invece, dei 157 lavoratori espulsi dalla Cesame ne sono stati ricollocati soltanto 28 nel giro del primo anno. Nel corso del 2008 neanche un lavoratore ha trovato una nuova occupazione così come era stato garantito dalle istituzioni locali.E’ una vertenza difficile che col tempo assume anche i connotati della sfiducia e dell’amarezza quella degli ex lavoratori Cesame. Ieri mattina il caso è stato rilanciato dai segretari generali e di categoria di Cgil, Cisl e Uil riunitisi nel salone “Russo” di via Crociferi. Al termine dell’incontro al quale hanno partecipato anche una delegazione di lavoratori espulsi e la stampa cittadina, i segretari Alfio Giulio (Cisl), Angelo Villari (Cgil) e Angelo Mattone (Uil), insieme a Margherita Patti (Filcem), Pippo Foresta e Francesco Prezzavento (Femca Cisl e Uil) hanno consegnato al Prefetto una lettera con cui, oltre a riassumere le tappe più importanti della vertenza, hanno chiesto a Sua Eccellenza “di farsi ancora una volta fautore di un momento di confronto che veda presenti personalmente il signor sindaco del Comune ed il signor presidente della Provincia ed ove Ella lo ritenesse anche il presidente della Regione, già presidente della Provincia e firmatario dei protocolli perché si possa dare operativamente esito agli accordi sottoscritti”. – 5 agosto 2008 –

Autore:

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com