Regione: cave ed energia. ENEL. Cuffaro. Anas. Federalismo. Fondi Ue. Agenda 2000

Regione: cave ed energia, il piano dell’assessore Gianni all’ars
L’assessore regionale all’Industria, Pippo Gianni, ha consegnato, in maniera informale, le bozze del Piano regionale cave e del Piano regionale per l’energia ai membri della commissione attivita’ produttive dell’Assemblea regionale siciliana.”In linea con quanto annunciato nei giorni scorsi – ha detto Gianni – intendo operare in assoluta sinergia con la commissione di riferimento. Per questo motivo ho chiesto ai deputati di visionare i piani ed esprimere il loro parere preventivo e, se lo ritengono, di suggerirmi gli eventuali aspetti che possono essere migliorati, e questo allo scopo di dotarci in breve tempo di due strumenti indispensabili con la maggior condivisione possibile”. Sono soddisfatto – ha detto Gianni – perche’ ho trovato nei membri della commissione e nel suo presidente, Salvino Caputo, interlocutori attenti ed interessati a condividere il percorso per lo sviluppo della Sicilia, che ci consente in tempi rapidi di recuperare il gap che ancora scontiamo”.
 
Xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
 
Energia: Enel, in Sicilia sorgera’ campo eolico off shore
L’Enel ha depositato il progetto di uno dei primi campi eolici off-shore del Mar Mediterraneo. L’istanza di Valutazione d’impatto ambientale (VIA) e’ stata consegnata da Enel al ministero dell’Ambiente e alla Regione Siciliana. Il primo parco eolico marino italiano prevede l’installazione di 115 generatori di grande taglia che avranno una potenza compresa tra i 3 e i 5 Megawatt ciascuno nelle acque del Golfo di Gela ad una distanza minima di 3 miglia dalla costa, tra i Comuni di Licata (Agrigento), Butera e Gela (Caltanissetta). Il progetto – sviluppato da una joint-venture costituita tra Enel (57%) e Moncada Costruzioni (43%) – prevede una potenza installata complessiva che variera’ da 345 a 575 MW. L’investimento massimo previsto sara’ di circa 500 milioni di euro. L’impianto, a regime, fornira’ energia elettrica per 1.150 milioni di chilowattora, sufficiente a soddisfare il fabbisogno di 390.000 famiglie, evitando emissioni di CO2 in atmosfera per circa 815.000 tonnellate annue.”Questo innovativo progetto – ha affermato Fulvio Conti, Ad di Enel – raddoppiera’ la capacita’ installata di Enel nel settore eolico in Italia e rappresenta un esempio virtuoso di collaborazione tra impresa, istituzioni locali e associazioni amiche dell’ambiente”.
Xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
 
Cuffaro “da governo sistematica demolizione economia sicilia”
 “Dichiarato inammissibile, in commissione bilancio, l’emendamento che consentiva il ripristino di 50 milioni di euro a favore dei viticoltori siciliani per i danni della peronospora”.  A denunciarlo il senatore Salvatore Cuffaro, membro della commissione bilancio, che afferma: “Tremonti continua nella sua opera di danneggiamento sistematico della Sicilia, che oggi più che mai puo’ vedere in lui il novello sceriffo di Nottingham. Come se aver scippato i fondi per i danni agli agricoltori non fosse bastato, oggi ci viene anche comunicato che i fondi Fas, 500 milioni di euro, gia’ assegnati alle infrastrutture della Sicilia, insieme agli altri fondi Fas per le infrastrutture del Mezzogiorno, verranno in parte rimodulati per essere in parte assegnati alla citta’ di Roma”.
Xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
 
Anas: Sicilia, domani in gazzetta due bandi per 23 mln
 L’Anas pubblichera’ domani, sulla Gazzetta Ufficiale il bando di gara per i lavori sulla strada statale 626 “Licata-Torrente Braemi” lotto 7^ bis. L’importo posto a base di gara e’ di oltre 20 milioni di euro. L’intervento e’ inserito nel contratto di Programma 2007-2011, ha uno sviluppo complessivo di 1,5 km circa ed interessera’ la provincia di Caltanissetta nei territori comunali di Mazzarino e Riesi. Il tracciato del lotto 7 bis si snoda tra le localita’ “La Callara” e “C.da Ardente” lungo il fondovalle del fiume Salso, e si sviluppa essenzialmente sui tre viadotti “Costanza”, “S. Vittorio”, e “S. Antonio”, per circa 950 metri.”La Strada Statale 626 dir Licata-Torrente Braemi, inserita nell’itinerario di collegamento diretto fra la costa centro-meridionale della Sicilia, nel territorio di Licata, e l’Autostrada A19 Palermo-Catania – ha sottolineato il presidente dell’Anas Pietro Ciucci – rappresenta un’arteria stradale di notevole rilevanza per la viabilita’ siciliana. Infatti la strada a scorrimento veloce e’ un importante collegamento in senso nord-sud della Sicilia, si dirama dall’uscita Caltanissetta dell’autostrada A19 Palermo-Messina sino ad arrivare alla costa meridionale, in prossimita’ del territorio di Licata, e consente l’attraversamento di territori interni che ricadono essenzialmente nella provincia di Caltanissetta, garantendo un facile raggiungimento del golfo di Gela, con notevoli miglioramenti della viabilita’ meridionale dell’isola e con ricadute positive anche sui flussi turistici.”
Xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
 
Federalismo: Cimino, governo proceda su norme attuazione statuto siciliano
“Ribadiamo con forza la richiesta di maggiore attenzione del Governo nazionale verso le Regioni a Statuto speciale. Queste regioni meritano più centralità politica, soprattutto durante una legislatura che sembra caratterizzata dalla spinta federalista che si vuole dare all’assetto amministrativo e fiscale del Paese. La Regione siciliana chiede che non venga meno l’attenzione ai tanti temi, sui quali sono compatte tutte le regioni autonome, nel confronto con il Governo”. Lo ha dichiarato l’Assessore al Bilancio della Regione siciliana Michele Cimino, a margine della Conferenza dei Presidenti delle Regioni, in corso oggi a Roma..“Per quanto riguarda, invece, la nostra Regione – ha aggiunto Cimino – non credo che si possano più differire le norme di attuazione dello Statuto. I governi che si sono succeduti nel tempo hanno ‘dimenticato’ l’Autonomia speciale, ma adesso è necessaria una ulteriore spinta in avanti per non rallentare, se non addirittura bloccare, il rilancio economico e sociale dell’Isola. Restiamo comunque fiduciosi che un Governo ‘amico’, come quello in carica, sappia dare le risposte che l’Autonomia e soprattutto i siciliani attendono” .
xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
 
Fondi Ue e Fas, accordo sindacati dipartimento programmazione per accelerare spesa
Accelerare la realizzazione delle infrastrutture e l’attuazione delle azioni pubbliche e dei regimi di aiuto programmati sul territorio siciliano con i fondi comunitari e le risorse Fas (Fondo aree sottosviluppate), incentivando, in una logica di equità e meritocrazia, il lavoro dei dipendenti regionali impegnati negli Apq e dei Programmi cofinanziati dall’Unione europea. E’ il contenuto di un accordo firmato stamani tra il Dipartimento regionale della Programmazione e i sindacati Fp-Cgil, Fp-Cisl, Fpl-Uil, Sadirs, Ugl, Siad e Codir-Cobas. L’intesa prevede il potenziamento dell’attività amministrativa “per far fronte – si legge nel documento – allo sforzo straordinario cui la Regione Siciliana è chiamata nei prossimi mesi, per il sovrapporsi dell’avvio della nuova programmazione 2007-2013 con l’ultima annualità del Por Sicilia 2000-2006”.
Xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
 
Agenda 2000, ventiquattro mln in piu’ per le aziende agricole
Ventiquattro milioni e mezzo di euro in più per le aziende agricole siciliane. Arriva così a 54,5 milioni la dotazione finanziaria della misura 4.09 (“Miglioramento delle condizioni di trasformazione e commercializzazione”) di Agenda 2000, gestita dall’assessorato regionale all’Agricoltura.“Per creare maggiori opportunità di sviluppo nel settore agroindustriale siciliano – afferma l’assessore Giovanni La Via – abbiamo individuato ulteriori risorse finanziarie rispetto alla dotazione di 30 milioni, inizialmente prevista nel bando del 2005. Si tratta di somme aggiuntive derivanti da risorse liberate grazie alle quali contiamo, in questo modo, di poter finanziare almeno 34 progetti”.Le azioni previste dalla misura prevedono la realizzazione, l’ammodernamento e il potenziamento di impianti per la lavorazione, la trasformazione, il confezionamento e la commercializzazione dei prodotti agricoli e zootecnici.“Considerato che gli interventi previsti sono caratterizzati da particolare complessità sia in termini economici, sia in nei tempi di realizzazione e che, comunque, bisogna utilizzare le risorse entro il 31 dicembre prossimo”,  spiega il dirigente generale del dipartimento Interventi strutturali dell’assessorato, Giuseppe Morale.
(Fonte: italpress)
– 11 luglio 2008 –

Autore:

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com